Home / Attualità / Vivere da soli e il maggiore rischio di depressione

Vivere da soli e il maggiore rischio di depressione

Un recente studio di Wu et al. Pubblicato su Frontiers in Psychiatry, suggerisce che vivere da soli è associato a un maggiore rischio di depressione, fino al 42%.

Facciamo una premessa sulla “psicologia della solitudine”. La pandemia da Covid-19 ha solamente amplificato un’epidemia che era già in corso: quella della solitudine.

Ne esistono due tipi:

  • Solitudine sociale: ad esempio, non riuscire a fare amicizia
  • Solitudine emotiva: non avere relazioni intime soddisfacenti

La solitudine è associata a una serie di comportamenti e strategie di regolazione delle emozioni. Tra queste, un maggiore uso dei social media, una maggiore paura di perdere qualcosa o qualcuno, spese eccessive e materialismo. Aumentano gli esiti negativi di salute fisica e mentale e i fattori di rischio per la depressione.

Solitudine e isolamento sociale

La solitudine è spesso correlata al tipo di sistemazione nella vita, in particolare al vivere da soli. Sicuramente la pandemia da covid-19 e le misure restrittive hanno costretto molte persone a vivere da sole, o separate dal proprio partner e dalle persone a cui tenevano.

Ma in generale, vivere da soli sta diventando sempre più normale. Al giorno d’oggi sono molte di più le situazioni unipersonali rispetto a prima. A causa dei minori matrimoni, del numero più alto di divorzi e separazioni, quasi una persona su 3 nei paesi occidentali vive da sola.

Più che una sana solitudine, l’isolamento sociale fisico è un fattore di rischio per molte condizioni legate alla salute fisica (malattie cardiovascolari, diabete, mortalità prematura) e alla salute mentale, in particolare alla depressione.

Ricerca sulla depressione

Nonostante le tante ricerche, sono pochi gli studi longitudinali che hanno esplorato la solitudine e l’isolamento sociale come fattori di rischio per la depressione, tra cui lo studio di Wu et al.

Parliamo di una ricerca sistematica sui database Embase, Pubmed e Cochrane (fino a maggio 2022), comprensiva di 123.859 individui composti al 65% da femmine.

L’analisi dei dati ha mostrato che vivere da soli è associato a un rischio più elevato di depressione rispetto al vivere in compagnia. In particolare, più per gli uomini che per le donne, più per gli anziani che per i giovani, e più per le persone di zone rurali che per quelle cittadine.

I motivi di questa relazione

È importante chiedersi il perché di questa associazione tra il vivere da soli e la depressione. Le possibili risposte sono molte.

Chi vive da solo può trovarsi in una situazione finanziaria peggiore, avere meno supporto e contatti sociali, una salute mentale e fisica peggiore e abitudini di salute in generale peggiori.

La relazione, tuttavia, può essere piuttosto complessa. La ricerca suggerisce che i pazienti con una storia di malattia grave o condizioni invalidanti (come il dolore cronico) hanno più probabilità di isolarsi e sviluppare la depressione. Ed è possibile che la depressione stessa peggiori la qualità della vita e aumenti l’isolamento sociale.

Cosa ci rimane

Abbiamo visto quanto la depressione abbassi la qualità della vita a livello fisico e mentale. Ma abbiamo anche buone notizie. Esistono degli interventi psicologici efficaci, e dei trattamenti farmacologici ad hoc per la depressione sempre in aggiornamento.

Per ridurre solitudine e isolamento, si può andare dall’esercizio della mindfulness fino all’adozione di animali robotici. Approcci di auto-aiuto, come lo sviluppo di uno scopo nella vita o l’adozione di un animale domestico, possono rappresentare una buona prevenzione e cura per la depressione.

About Silvia Faenza

Ciao sono Silvia Faenza, mi sono Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università del Salento, nel 2014. Dal 2015 mi occupo della gestione dei contenuti per aziende e agenzie editoriali online, principalmente in qualità di ghostwriter, copywriter e web editor.

Vedi Anche

Ribellione nei bambini: un segnale d’allarme in risposta a genitori troppo severi

La ribellione in età infantile e adolescenziale è spesso un indicatore di tensioni sotterranee e ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *