Home / Benessere e Salute / Acetone nel bambino: sintomi e cause del disturbo
come riconoscere l'acetone nel bambino

Acetone nel bambino: sintomi e cause del disturbo

Chissà quante volte avrai sentito parlare di acetone nel bambino, chiedendoti se è una cosa grave e soprattutto di cosa si tratta. Purtroppo è un disturbo che frequentemente colpisce i bambini, intorno ai 3-4 anni e che genera molta ansia nei genitori.

Vuoi sapere cos’è l’acetonemia? Allora leggi quest’articolo e potrai rassicurarti.

Acetone: sintomi e cause

L’acetone nel bambino o chetosi, è un disturbo momentaneo del metabolismo che dopo aver bruciato gli zuccheri, inizia a bruciare i grassi. Normalmente i sintomi dell’acetone emergono a seguito di un episodio di febbre e si verifica con questi sintomi:

  1. vomito ripetutamente;
  2. mal di pancia;
  3. occhi cerchiati;
  4. malessere generale;
  5. mal di testa;
  6. lingua molto asciutta e patinosa.

Ma il sintomo che proprio non può farti sbagliare è il classico odore di “frutta marcia” emesso dall’alito del bambino, dovuto ai corpi chetonici prodotti dall’intestino e difficili da smaltire.

Dinanzi a questo sintomo, non ci sono dubbi, si tratta di acetone.

Cosa fare in presenza di acetone

Non esiste una vera e propria cura, ma l’unica terapia possibile è offrire al bambino bevande zuccherate da bere, quali tè, spremute, succhi di frutta, da sorseggiare lentamente e meglio se freddi, ma non ghiacciati.

In questo modo vengono reintegrate le scorte di energia e nel giro di qualche giorno il bambino inizierà a star meglio.

Nelle farmacie inoltre esistono degli stick urinari per misurare correttamente l’acetone, attraverso la ricerca di chetonuria nella pipì del bimbo; in questo modo sarete sicuri della presenza del disturbo e quindi potrete intervenire tempestivamente.

Cosa far mangiare invece al bambino?

Per prevenire l’acetone è preferibile che il bambino mangi: pane, pasta, riso, patate, legumi e carni bianche; meglio evitare alcuni tipi di alimenti, quali formaggi, latte, carni grasse, fritti e cioccolata.

Tuttavia il disturbo di acetone tende a sparire man mano che il bambino cresce.

 

 

 

About Giuliana

Autore: Assistente sociale, master in mediazione familiare. Scrivo da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche, dagli adolescenti, alle relazioni di coppia. Collaboro con la rivista Intimità. Amo scrivere poesie. ( per Contatto : jupax75[@]yahoo.it )

Vedi Anche

dipendenza da dolci

Dipendenza da zuccheri come combatterla

I dolci sono il punto debole di molte persone, il rischio per la salute nel ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *