Home / Benessere e Salute / Aerosolterapia, un valido rimedio per curare le malattie dell’apparato respiratorio
Aerosol terapia, i pro e i contro di questo rimedio

Aerosolterapia, un valido rimedio per curare le malattie dell’apparato respiratorio

Siamo in piena stagione invernale e come sempre ecco arrivare le malattie dell’apparato respiratorio. Come si curano? Sono tanti i rimedi, ma sicuramente l’aerosolterapia è fra quelli più amati e apprezzati dagli italiani.

Un po’ di storia dell’aerosolterapia

Le terapie inalatorie hanno una storia piuttosto antica; già 4000 anni fa, veniva usato il fumo di Datura (una pianta) per curare le malattie respiratorie in India.

Tuttavia i primi nebulizzatori per aerosol sono stati inventati in Francia nell’800, con lo sviluppo delle cure termali.

Dagli anni 50 in poi, le aziende farmaceutiche hanno fatto a gare per introdurre su mercato diversi farmaci da usare in questi apparecchi.

Ma è sempre vantaggioso usare l’aerosol?

Vediamo allora i pro e i contro di questo dispositivo medico, e soprattutto quando è meglio utilizzarlo.

L’aerosolterapia è usata in modo particolare per curare le affezioni del tratto respiratorio che colpiscono i bambini e gli anziani, ad esempio: bronchiti, laringiti, rinofarigiti…

A seconda della patologia da curare, nell’ampolla dell’aerosol si possono aggiungere (sempre dietro prescrizione medica) diversi medicinali: acqua fisiologica, broncodilatatore, fluidificante, cortisone. 

Ma quali sono i reali vantaggi e svantaggi dell’aerosolterapia?

  1. agisce direttamente sui tessuti ed organi interessati;
  2. ha un effetto rapido ed immediato;
  3. si possono dosare i quantitativi a seconda del bisogno;
  4. non richiede particolare impegno da parte del paziente, che in realtà resta fermo;
  5. ottimo nelle situazioni di emergenza;
  6. minori effetti collaterali di alcuni farmaci;
  7. maggiore risposta a determinati farmaci che agiscono meglio se inalati (ad esempio i cortisonici).

Tuttavia l’aerosolterapia presenta anche qualche svantaggio, vediamo quale:

  1. tantissimi modelli in commercio, tale da creare confusione nell’acquisto;
  2. rischio che il paziente non lo sappia usare correttamente;
  3. minimo deposito sui polmoni del medicinale.

In ogni caso, l’aerosolterapia resta uno dei dispositivi preferiti dai genitori, soprattutto per la cura delle affezioni bronchiali e da raffreddamento dei bambini sotto i 7 anni.

About Giuliana

Autore: Assistente sociale, master in mediazione familiare. Scrivo da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche, dagli adolescenti, alle relazioni di coppia. Collaboro con la rivista Intimità. Amo scrivere poesie. ( per Contatto : jupax75[@]yahoo.it )

Vedi Anche

Arriva l’inverno: ecco come illuminare il tuo viso in due step

Passata l’estate ed il bel colorito, con l’arrivo dell’inverno, il nostro viso tende ad diventare ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *