Home / Psicologia / Parlare a sé stessi: 4 cose da evitare per non peggiorare la situazione

Parlare a sé stessi: 4 cose da evitare per non peggiorare la situazione

Se pensiamo ad una persona che parla con sé stesso, generalmente pensiamo che sia matta, perché non è un comportamento conveniente da mostrare in pubblico.

La verità, però, è molto diversa dalla percezione e la realtà è che tutti noi parliamo a noi stessi. Lo facciamo per rassicurarci, per incoraggiarci, per riflettere; qualcuno lo fa a bassa voce mentre altri a voce alta, solitamente quando non ci sono altre persone.

Quando parliamo a noi stessi, è la mente razionale, quella “adulta”, che parla alla mente “bambina”, quella emotiva, come un genitore che insegna al proprio figlio e lo aiuta. E proprio in questo dialogo ci sono parole ed espressioni che è importante evitare, e in questo articolo vedremo quali sono.

1. Le parole estreme

Quando parliamo a noi stessi, le parole sono più forti di quanto possiamo pensare. Pensare quindi che “così non otterrò niente” è diverso da “così non otterrò poi molto”, per la nostra mente emotiva.

L’emotività è quella che ci guida nelle decisioni da intraprendere, e con parole come sempre, mai, terribile, nulla, inutile e altre simili non risolveremo il problema, ma anzi “castreremo” il nostro sistema limbico che, in risposta, fornirà emozioni negative.
PAGINA SEGUENTE ->

Vedi Anche

Benefici della scrittura: 5 modi in cui scrivere ci fa stare meglio

La scrittura può essere una tecnica molto importante per sentirsi meglio specialmente nelle difficoltà. Ci ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *