Home / Psicologia / Psicologia delle etichette alimentari: 5 modi in cui scegliamo che cosa mangiare

Psicologia delle etichette alimentari: 5 modi in cui scegliamo che cosa mangiare

4. I prodotti senza…

Senza glutine, senza lattosio, senza olio di palma. Sono prodotti particolarmente costosi e percepiti come “più sani”, se non che a volte il “senza” non c’entra nulla con il prodotto.

Che senso ha, per esempio, pubblicizzare un salume “senza glutine” quando il glutine si trova nel grano e non nella carne? O il pane “senza lattosio”, quando il lattosio si trova nel latte? O, ancora, degli spinaci congelati “vegani”, quando gli spinaci per definizione sono sempre e solo vegetali?
PAGINA SEGUENTE ->

About Valerio

Mi chiamo Valerio Guiggi, redattore da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche. "A quanto possiamo discernere, l’unico scopo dell’esistenza umana è di accendere una luce nell’oscurità del mero essere. (Carl Gustav Jung)"  (per contatti valerioguiggi[@]gmail.com)

Vedi Anche

Relazione di coppia: quella gelosia ossessiva che distrugge l’amore

Cosa vuol dire essere gelosi del proprio partner? E soprattutto quando la gelosia diventa una ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *