Home / Psicoterapia / Autolesionismo: 5 modi per aiutare un figlio o un amico che si taglia

Autolesionismo: 5 modi per aiutare un figlio o un amico che si taglia

Il fenomeno dei cutting, ovvero del tagliarsi per gli adolescenti, è diventato sempre più frequente in questi ultimi anni.

Si tratta di un modo, per un adolescente che soffre e, anzi, ha un’enorme sofferenza emotiva, di trasferire il dolore sul piano fisico, sentire dolore fisico per non sentire quello, molto più dilaniante, interno.

Scoprire il cutting spesso non è semplice ma vi abbiamo parlato dei particolari a cui fare attenzione per scoprire se un figlio, o un conoscente, abbia questo tipo di comportamento; oggi invece cercheremo di capire come aiutare questa persona, partendo da un presupposto: non è per niente facile.

1. La fiducia

La fiducia è la cosa fondamentale per poter entrare nella sfera emotiva di una persona e spingerla a esternare le sue emozioni.

Perché se, come abbiamo detto, il responsabile del cutting ha un disagio interno, bisogna capire qual è questo disagio, prima di iniziare a risolverlo. E non è detto di poter riuscire da soli (genitori) a conquistare la sua fiducia: ci può essere bisogno di uno psicologo, oppure di un medico o anche di un amico adolescente con cui parlare.
PAGINA SEGUENTE ->

About Valerio Guiggi

Mi chiamo Valerio Guiggi, redattore da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche. "A quanto possiamo discernere, l’unico scopo dell’esistenza umana è di accendere una luce nell’oscurità del mero essere. (Carl Gustav Jung)"  (per contatti valerioguiggi[@]gmail.com)

Vedi Anche

5 situazioni che possono indicare la necessità di una psicoterapia

La psicologia è una disciplina tuttora non ben conosciuta dalla maggior parte delle persone. Ci ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *