Home / Psicoterapia / Autolesionismo: 5 modi per aiutare un figlio o un amico che si taglia

Autolesionismo: 5 modi per aiutare un figlio o un amico che si taglia

4. Zitto e ascolta!

Questa esclamazione non è rivolta a chi si taglia, ma a chi cerca di aiutarlo, specialmente i genitori.

Dobbiamo vedere il ragazzo come se fosse un nostro amico, e dobbiamo stare zitti ed ascoltare quello che dice. Incoraggiarlo a parlare va bene, stare a contatto con lui va bene, magari in ambiente intimo (nella sua camera), ma se inizia a parlare non va interrotto, o spezzeremo quel flebile filo che si è venuto a creare.

PAGINA SEGUENTE ->

About Valerio

Mi chiamo Valerio Guiggi, redattore da diversi anni, soprattutto per passione e mi occupo di diverse tematiche. "A quanto possiamo discernere, l’unico scopo dell’esistenza umana è di accendere una luce nell’oscurità del mero essere. (Carl Gustav Jung)"  (per contatti valerioguiggi[@]gmail.com)

Vedi Anche

Nevrosi cause, sintomi e tipologie

La nevrosi, termine utilizzato in psicologica clinica, è un disturbo dell’adattamento, il soggetto che ne soffre ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *