Home / Benessere e Salute / Gli animali, un supporto per il benessere mentale

Gli animali, un supporto per il benessere mentale

Chi trova un amico trova un tesoro recita il vecchio e saggio detto ma se poi quell’amico è un animale i vantaggi talvolta diventano addirittura maggiori.

Molto più degli esseri umani, gli amici a quattro zampe sono fedelissimi e, per molti, rappresentano un porto sicuro nel quale rifugiarsi nei momenti di difficoltà. Ti fanno compagnia, ti donano enormi soddisfazioni e, in cambio di poche cure, donano un bene immenso.

Molti, gli animalisti nati, non possono far a meno di avere un simpatico cucciolo come amico praticamente sin dalla nascita ma molti altri, anche chi inizialmente ha addirittura paura, con il passare del tempo o per circostanze di vario tipo, finisce per affezionarsi a tal punto ad un compagno di vita peloso da non poterne fare a meno.

Per le mamme che dopo aver cresciuto vari figli si ritrovano improvvisamente sole nell’età adulta, per gli anziani, ma anche per i bambini che, vivendo a stretto contatto con un animale sin da piccoli, hanno modo di imparare inconsapevolmente piccole e grandi lezioni di umanità e civiltà.

Dopo un momento difficile o un grave lutto, un batuffolo di pelo, con la sua ingenuità e spensieratezza spesso finisce per essere l’arma segreta contro tutti i mali della vita. Il vero vantaggio di avere un animale, tuttavia, si percepisce al livello mentale.

I benefici non derivano solo dall’avere un cane o un gatto ma anche qualunque altro simpatico animaletto come pesci rossi, uccellini, criceti e chi più ne ha ne metta. Secondo diversi studi, infatti, di solito gli amici degli animali sono più attivi, meno isolati degli altri. Il semplice fatto di avere un animale di compagnia, stando a importanti ricerche scientifiche, riduce sensibilmente il ricorso a farmaci psicotropi e diminuisce del 50% le spese per la salute.

Chi vive la propria vita in simbiosi con quella in particolare di un cagnolino o di un gattino sviluppa maggiori difese immunitarie ed è, in linea di massima, più felice e meno soggetto a stati d’ansia o depressioni. Oltre ad avere un effetto protettivo, gli animali sono usati in alcuni casi anche all’interno di percorsi di psicoterapia.

Per questo in molti ospedali, allo scopo di ridurre lo stress dei malati o per tirarli su di morale, viene consigliata la compagnia di un animale a chi soffre di demenza senile o di Alzheimer.

Foto Tratta da : benessereblog.it

Vedi Anche

Flora batterica, ecco quali fermenti utilizzare per un migliore equilibrio intestinale

Hai mai sentito parlare di flora batterica intestinale e di fermenti lattici? E quante volte ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *