Home / Benessere e Salute / Psicologia e Sport, l’importanza per i ragazzi che crescono

Psicologia e Sport, l’importanza per i ragazzi che crescono

Aiuta a sviluppare una muscolatura più robusta, a resistere meglio alle malattie, a socializzare, ad affrontare momenti di grande tensione e intensità, a saper perdere, a non montarsi la testa dopo una piccola vittoria e a combattere un gran numero di piccoli disturbi: sono solo alcune delle motivazioni per cui lo sport è consigliato sin dai primi anni di vita dei bambini.

Con l’adolescenza, poi, l’importanza di praticare attività fisica cresce esponenzialmente. Lo sport, oltre ad essere associato a un’alimentazione equilibrata, è fondamentale per lo sviluppo di valori basilari per la società quali lo spirito di gruppo e la solidarietà, nonché la tolleranza e la correttezza delle azioni, principi indispensabili per favorire un arricchimento della nostra esistenza ed un miglioramento del nostro vivere quotidiano.

Praticando sport molti giovani prendono sicurezza, si sentono importanti e parte di un gruppo che, senza la loro fondamentale presenza, non sarebbe lo stesso.

Attraverso lo sport, in sostanza, si contribuisce al miglioramento quotidiano dell’equilibrio fra corpo e psiche puntando al miglioramento di doti quali la perseveranza e la determinazione.

L’importanza dell’attività sportiva per una sana crescita non solo fisica ma anche psicologica è stata accertata anche dall’Oms che raccomanda almeno 60 minuti al giorno di attività moderata–vigorosa, includendo almeno 3 volte alla settimana esercizi per la forza che possono consistere in giochi di movimento o attività sportive.

Nei giovani l’esercizio fisico si svolge durante giochi di movimento, sport, svago, educazione motoria scolastica, spostamenti a piedi e in bicicletta, programmi di esercizi e, dunque, non necessariamente nell’ambito agonistico che ha comunque un valore aggiunto.

“I bambini e i ragazzi che svolgono una regolare attività fisica come sport di gruppo, individuali, giochi all’aria aperta e passeggiate – spiega al proposito l’Oms – dimostrano una maggior fiducia nelle proprie possibilità, sono portati a una maggior autostima, alla facilità nei rapporti sociali, a una maggior sopportazione dello stress e sono meno predisposti a sviluppare disturbi come ansia e depressione”.

About Luca Conti

“L'uomo crede di volere la libertà. In realtà ne ha una grande paura. Perché? Perché la libertà lo obbliga a prendere delle decisioni, e le decisioni comportano rischi.” Erich Fromm Fondatore, Editore, Responsabile Marketing (per Contatti : info[@]psico.it)

Vedi Anche

Arriva l’inverno: ecco come illuminare il tuo viso in due step

Passata l’estate ed il bel colorito, con l’arrivo dell’inverno, il nostro viso tende ad diventare ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *