Home / Roberto Rossi (page 17)

Roberto Rossi

Mi chiamo Roberto Rais, Giornalista pubblicista, da diversi anni  specializzato in tematiche legate alla psicologia, alla motivazione e al wellness psico-fisico. Collaboro con alcuni magazine online di settore, prestando la mia consulenza editoriale anche ad agenzie di stampa e siti web"

Come leggere il movimento e la posizione dei piedi

La comunicazione non verbale è un importante insieme di indizi rilevatori dello stato d’animo proprio e delle persone che ci circondano. Di conseguenza, imparare a leggere il movimento e la posizione dei piedi può fornirci fondamentali informazioni. Proviamo a saperne di più. Piedi che battono A volte possiamo vedere i piedi che battono in qualcuno che sembra ascoltare intensamente, indicando ...

Read More »

Perché qualcuno crede alle teorie complottiste?

Gli psicologi sembrano aver identificato quali meccanismi si attivano nella nostra mente quando si finisce con il credere alle teorie complottiste, come quelle sull’11 settembre o lo sbarco sulla Luna, scoprendo che i complottisti e i creazionisti sono molto più simili (per certi versi) di quanto si possa credere. “C’è un filo conduttore tra il credere nel creazionismo e credere ...

Read More »

Memoria, ricercatori scoprono come “modificarla”

All’interno del nostro cervello l’ippocampo è in grado di immagazzinare le informazioni sensoriali ed emotive che costituiscono i nostri ricordi, siano essi positivi o negativi. Considerato che non esistono in natura due memorie “uguali”, e che ogni ricordo è conservato all’interno di una combinazione unica di cellule cerebrali che contengono tutte le informazioni ambientali ed emotive associate a quell’evento, ne ...

Read More »

Perché sempre più giovani sono infelici?

infelici

Che l’adolescenza sia un periodo particolarmente complesso nello sviluppo umano è ben noto. Ora è altresì noto il fatto che sempre più adolescenti si dichiarano tristi e infelici, aprendo dunque margini di interpretazione e di analisi per capire i motivi. Analizzando i dati del National Survey on Drug Use, infatti, emerge come dal 2008 al 2017 vi sia stato un ...

Read More »

Disturbo bipolare, una recente ricerca la relaziona al Parkinson

bipolare

Le persone che soffrono di disturbo bipolare potrebbero avere maggiori probabilità di sviluppare, in seguito, anche la malattia di Parkinson rispetto alla media delle persone. La conclusione è stata pubblicata a margine di uno studio diramato nell’ultimo numero online di Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology, che ricorda come già studi precedenti sono stati in grado di dimostrare ...

Read More »

L’ansia dei bambini dipende anche dall’inquinamento?

Un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Università di Cincinnati e del Children’s Hospital Medical Center della stessa città, ha esaminato la correlazione esistente tra l’esposizione all’inquinamento atmosferico legato al traffico, e l’ansia infantile, osservando in che modo la neurochimica viene alterata nei pazienti più giovani. Stando alle conclusioni cui è giunta la dottoressa Kelly Brunst, assistente docente presso il dipartimento ...

Read More »

Autismo e infanzia, nuove scoperte sul linguaggio

Un nuovo studio condotto dai ricercatori della Columbia University ha scoperto che i neonati ad alto rischio di autismo riescono a percepire meno le differenze nei modelli di linguaggio rispetto ai neonati che sono invece a basso rischio di sindrome di tale spettro. Dunque, i risultati dell’analisti suggerirebbero che gli interventi per migliorare le competenze linguistiche dovrebbero iniziare durante l’infanzia ...

Read More »

Come la vita sociale influenza il nostro cervello?

Qual è il legame tra la vita sociale e la struttura del cervello? I ricercatori dell’Università della Pennsylvania, dello Stem Cell and Brain Research Institute all’Inserm sono ora un passo dal capire questa connessione. Nel lavoro pubblicato su Science Advances, infatti, il team ha scoperto che per i primati non umani il numero di connessioni sociali ha predetto la dimensione ...

Read More »

Perché chi soffre di epilessia ha un più alto tasso di mortalità

In caso di morte improvvisa con epilessia, le persone smettono di respirare senza motivo apparente. Ora, un gruppo di neuroscienziati della UConn ha individuato un indizio sul perché, riportandolo sull’ultimo numero della rivista eLife. In particolare, afferma Dan Mulkey, un neuroscienziato del dipartimento di fisiologia e neurobiologia di UConn, “le persone con epilessia hanno un alto tasso di mortalità, ma ...

Read More »

Forme e colori, in che modo il cervello li riconosce?

Ci sono centinaia di migliaia di colori e forme distinte che una persona dovrebbe essere in grado di distinguere visivamente ma… come fa il cervello a elaborare tutte queste informazioni? Tempo fa, gli scienziati credevano che il sistema visivo riuscisse a codificare la forma e il colore con diversi gruppi di neuroni e poi li combinasse in un secondo momento. ...

Read More »